cominter

Origano

Varietà di maggiorana, usata soprattutto nel nostro paese: si coglie a sera e si appende per l'essicazione. Usiamo solo le foglioline sbriciolate: pizze, salse, pesci, carne alla pizzaiola, mozzarella, pomodori... sta bene quasi ovunque, sempre a crudo o cotta brevemente. L'origano, allo stato spontaneo, è pianta di montagna da cui il nome scientifico dal greco oros, montagna, e da ganos, splendore. E' ben noto nella storia dei semplicisti; nei vecchi testi di medicina, si parlava di una specie di origano a fiori bianchi, mentre l'Origanum vulgare ha i fiori rosa-porporina; inoltre, è spesso confuso con la maggiorana, che si è sporadicamente naturalizzata in Italia e viene coltivata in Liguria. L'origano ha proprietà medicinali indiscutibili, contenute nelle sommità fiorite, che i fitoterapisti usano in quanto svolgono un'azione efficace e stimolante sul sistema nervoso; inoltre, ha proprietà altalgica. Si può guarire rapidamente un torcicollo riscaldando dei fiori appena colti. Le sommità fanno parte della composizione dell'infuso detto acqua archibugiata; se ne può ottenere anche una bevanda dolce, aperitiva, digestiva. L'origano è usato per aromatizzare la pizza alla napoletana e per insaporire piatti regionali.

Collegamenti